“Le donne del Risorgimento”. Il contributo della FIDAPA di Termoli alle celebrazioni del 150° anno dell’Unità d’Italia.

Listener.pngTERMOLI _ Lunedì 28 novembre 2011 alle ore 17.00, nell’Aula Magna dell’Istituto Alberghiero di Termoli, in via Foce dell’Angelo,2 si svolgerà un convegno dal titolo “Le donne del Risorgimento”. L’evento è organizzato dalla sezione cittadina della FIDAPA-BPW Italy ed apre  l’anno sociale 2011/2012 con il nuovo direttivo presieduto da Titti Lezzoche Sciarretta.

La FIDAPA di Termoli intende così concludere il proprio contributo alle celebrazioni del 150° anno dell’Unità d’Italia, dopo aver già dedicato l’incontro del 10 dicembre 2010 al tema “Italia Si Italia No”.

Lunedì prossimo l’argomento da focalizzare ci immerge in una particolare disamina, quella dell’apporto prezioso dato dalle donne, spesso alla pari con i grandi eroi maschili, al lento, delicato e contrastato processo dell’Unità d’Italia.

Esse sono state temerarie, infaticabili, coraggiose, di forte temperamento, disposte  a sacrificare se stesse e gli affetti più cari, pur nel loro ruolo di mogli e madri. In nome degli ideali di libertà e di rispetto sociale per costruire una nazione unita e giusta, hanno concentrato anche in questo difficile impegno la volontà di far emergere la propria intelligenza e sensibilità.

La manifestazione culturale del 28 novembre , dopo i saluti di rito e in particolare di Angela Pisicchio, segretaria del Distretto Sud/Est FIDAPA, si incentra sulle relazioni del preside Antonio Mucciaccio: “Con l’Italia nel cuore” e della scrittrice Simonetta Tassinari: “Figure di donne molisane nel Risorgimento”.

Il compito del moderatore è affidato alla preside Maria Concetta Chimisso, dirigente dell’Istituto Alberghiero .

A tutta la cittadinanza è rivolto un cordiale invito di partecipazione.

invito.pdf

 

“Le donne del Risorgimento”. Il contributo della FIDAPA di Termoli alle celebrazioni del 150° anno dell’Unità d’Italia.ultima modifica: 2011-11-26T15:00:02+00:00da liberatorusso
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento